Perché i Probiotici sono così importanti per la Salute?

 

intestino feliceI probiotici sono batteri vivi e lieviti che fanno bene alla salute, in particolare al sistema digestivo. Di solito pensiamo a questi come a germi che causano malattie, ma il nostro corpo è pieno di batteri, sia buoni che cattivi. I probiotici sono spesso chiamati batteri “buoni” o “utili” perché aiutano a mantenere sano l’intestino. È possibile trovare i probiotici in integratori e alcuni alimenti, come lo yogurt.

Personalmente utilizzo i probiotici da molti anni ormai. All’epoca studiavo PNEI (Psiconeuroendocrinoimmunologia), mi rivolsi all’insegnate per un consiglio su un problema di dermatite di mio figlio. L’insegnate mi consigliò un probiotico e, grazie anche ad una dieta equilibrata che già seguiva il bambino, la dermatite sparì in poche settimane. Da questo episodio, ho iniziato a studiare per capire come funzionassero i probiotici e ho scoperto i vari benefici che questi fantastici microorganismi possono offrire alla nostra salute.

Li consiglio a molte delle persone che fanno trattamenti con me e noto spesso dei notevoli risultati, abbinati ovviamente ad altri consigli.

Nelle prossime righe cercherò di piegare meglio perché sono così appassionata dei probiotici.

Cosa sono i Probiotici ?

Sono microorganismi viventi che rivestono il tratto digestivo e supportano la capacità del corpo di assorbire i nutrienti e combattere le infezioni.

Secondo le linee guida della FAO/OMS, sono definiti probiotici solo quei microrganismi che si dimostrano in grado, una volta ingeriti in adeguate quantità, di esercitare funzioni benefiche per l’organismo. Quindi hanno la funzione di favorire l’equilibrio della flora batterica intestinale (microbiota), come descritto nella linea guida del Ministero della Salute (1).

Che cosa è il Microbiota?

microbiota umanoIl microbiota umano è l’insieme di microorganismi (batteri, funghi e virus) simbiotici  che convivono con l’organismo umano senza danneggiarlo (2). La colonia di microrganismi più numerosa è il microbiota intestinale. L’intestino contiene sia batteri benefici che nocivi.

Ognuno di noi ha al proprio interno circa 2 kg di batteri. Generano circa il 30% del fabbisogno del nostro consumo calorico, perché non possiamo digerire buona parte del cibo che mangiamo, ma i batteri possono farlo per noi, e noi prendiamo l’energia. In pratica, noi offriamo ai batteri vitto e alloggio e loro, in cambio, trasformano il nostro cibo in energia. Ci aiutano a determinare cos’è tossico per il nostro corpo. Senza i batteri difficilmente potremmo sopravvivere.

Differenza tra Probiotici e Fermenti Lattici

Generalmente quando consiglio i probiotici mi sento dire: “Sto già prendendo dei fermenti lattici” oppure “Dopo gli antibiotici ho preso i fermenti lattici”. Ma attenzione, esiste ancora molta confusione tra fermenti lattici e probiotici. Vengono spesso confusi tra loro anche dai professionisti della sanità. Sai qual è la differenza tra fermenti lattici e probiotici?

I fermenti lattici, o batteri lattici, sono batteri in grado di fermentare e digerire il lattosio, il quale, peraltro, non sarebbe digeribile se non ci fossero questi microrganismi, con il loro corredo enzimatico, nel nostro intestino. Ma una volta ingeriti, in genere, i fermenti lattici non sopravvivono al passaggio nello stomaco.

I probiotici invece sono microrganismi che, nella maggioranza dei casi, producono acido lattico ma, a differenza dei fermenti lattici, rimangono vivi all’interno dell’organismo dove si replicano ed esplicano attività metaboliche, fornendo quindi un beneficio (3). Essi sopravvivono alle barriere naturali dell’organismo, arrivano nell’intestino, colonizzano la mucosa intestinale e diventano parte integrante del microbiota intestinale e sono in grado di interagire con le cellule dell’epitelio intestinale.

Come Agiscono i Probiotici

Secondo gli esperti, l’equilibrio della flora intestinale dovrebbe essere circa l’85% di batteri buoni e il 15 % di batteri cattivi. Se questo rapporto risulta sbilanciato, la condizione è nota come disbiosi, il che significa che c’è uno squilibrio di un certo tipo di fungo, lievito o di batteri, che colpisce il corpo in modo negativo.

I probiotici possono aiutare a bilanciare i batteri “buoni” e “cattivi” per mantenere l’equilibrio e mantenere regolari le funzioni del corpo.

 

I Benefici dei Probiotici

intestino batteriFavorire l’equilibrio della flora intestinale è sempre stato considerato utile per la salute. I benefici dei probiotici iniziano nel tratto gastrointestinale, ma non finiscono qui. Oltre a trattare i disturbi digestivi, i probiotici possono migliorare le difese immunitarie, ma anche disturbi della mente, quali ansia e depressione.

Molte persone con problemi di salute, come squilibri tiroidei, stanchezza cronica, dolori articolari, psoriasi e molte altre condizioni problematiche, non si rendono conto che questi disturbi possono avere origine nell’intestino.

I probiotici promuovono un sano equilibrio dei batteri intestinali e sono stati collegati a una vasta gamma di benefici per la salute. Questi includono benefici per la perdita di peso, salute digestiva, funzione immunitaria e altro (4).

 

Disturbi Digestivi: l’apparato digerente è fondamentali per la nostra salute, poiché l’80% dell’intero sistema immunitario si trova proprio nel tratto digestivo.

La digestione è incredibilmente complicata, fa cose molte difficili: scinde il cibo che mangiamo in tante piccole molecole che assorbiamo e utilizziamo per far funzionare il corpo. E per questo c’è bisogno di molta energia.

I probiotici possono aiutare a controllare i batteri nocivi nel corpo, in particolare nel tratto digestivo, possono aiutare la digestione e potenzialmente prevenire il gas e il gonfiore – specialmente per quegli individui con problemi digestivi, come la sindrome dell’intestino irritabile. I probiotici possono contribuire a promuovere la salute dell’apparato digerente perché aiutano a eliminare i batteri potenzialmente dannosi.

Aumento delle Difese Immunitarie: tra le funzioni primarie dei batteri buoni c’è quella di stimolare la risposta immunitaria cellulare.

I probiotici hanno dimostrato di correggere le malattie autoimmuni trattando l’infiammazione cronica, stabilizzando un sistema immunitario iperattivo e diminuendo la permeabilità intestinale. Nelle malattie autoimmuni, l’aumento della permeabilità intestinale è spesso trascurato. L’uso cronico di antidolorifici FANS, antibiotici, trattamenti ormonali e antiacidi può ridurre il rivestimento protettivo dell’intestino, causando perdite nel flusso sanguigno di cibo, batteri e altri agenti patogeni non digeriti. Questo produce una forte risposta infiammatoria che non si spegne mai. I probiotici aiutano, riducendo la risposta infiammatoria.

Evitano le Infezioni: i probiotici non dovrebbero eradicare le infezioni. Tuttavia sono stati usati per abbassare il tasso di recidiva e prevenire lo sviluppo di resistenza batterica. Possono essere visti come l’alternativa per la prevenzione e il trattamento delle infezioni croniche (5). 

Prevengono dalle Allergie e  Raffreddore: i probiotici hanno un effetto benefico nelle reazioni allergiche, riducendo la gravità dei sintomi e l’uso di farmaci (6).

pancia grassaAiutano a combattere l’Obesità: quando i batteri sono in equilibrio nel nostro corpo, hanno una capacità di filtrare e bloccare le calorie in eccesso. Agiscono sul senso di sazietà, comunicando con le cellule dell’intestino (enterociti) che, a loro volta, inviano segnali ai centri ipotalamici della fame. Questo avviene perché il microbiota converte le fibre alimentari che mangiamo in acidi grassi a corta catena, i quali sono il nutriente principale degli enterociti. Le cellule intestinali così, se sazie, invieranno al cervello il segnale di fermarsi dal mangiare.

Problemi della Pelle: l’uso di probiotici, in combinazione con alcuni farmaci, potrebbe supportare il trattamento di acne e rosacea (7). Non ci sono prove che l’acne sia una malattia del tratto gastrointestinale, tuttavia vi sono prove che suggeriscono che i microbi intestinali e l’integrità del tratto gastrointestinale stesso sono fattori che contribuiscono al processo dell’acne.

Salute Mentale: la maggior parte delle persone quando pensa alla propria salute mentale, non considera il proprio intestino, ma esso svolge un ruolo critico. L’ intestino è considerato un “secondo cervello” perché contiene il sistema nervoso enterico, che regola le funzioni autonome come la digestione, la coordinazione dei riflessi, le funzioni motorie, la funzione immunitaria e il flusso sanguigno. Sebbene questo “secondo cervello” non pensi, come fa il cervello nella testa, ha una forte funzione sensoriale che può avere un effetto negativo sulla memoria, sul controllo degli impulsi e sulle emozioni.

Uno studio clinico controllato ha recentemente rivelato che l’assunzione probiotica regolare migliora la memoria, il comportamento e la cognizione. I probiotici fanno questo diminuendo l’infiammazione cronica sia nel cervello che nell’intestino, che a sua volta guarisce il sistema nervoso.

 

Alimenti Ricchi di Probiotici

Se vuoi iniziare a consumare cibi ricchi di probiotici, ecco un elenco dei cibi probiotici più benefici:

kefirKefir: simile allo yogurt, questo prodotto lattiero-caseario fermentato è una combinazione unica di latte e chicchi di kefir fermentati. Ha un sapore leggermente acido e aspro e contiene ovunque da 10 a 34 ceppi di probiotici. Il Kefir è simile allo yogurt, ma contiene più probiotico, poiché è fermentato con lievito e più batteri dello yogurt.

Crauti: ottenuti da cavoli fermentati e altre verdure, i crauti sono ricchi di acidi organici, che supportano la crescita di batteri buoni. Inoltre sono ricchi di vitamina C ed enzimi digestivi.

Kimchi: è la versione coreana dei crauti e altre verdure fermentate. Viene creato mescolando un ingrediente principale, come il cavolo cinese, con una serie di altri alimenti e spezie, come peperone, ravanelli, carote, aglio, zenzero, cipolla, sale marino e salsa di pesce. La miscela viene quindi lasciata da parte a fermentare per 3-14 giorni.


Kombucha Thè Kombucha
: è una fermentazione effervescente di tè nero ottenuta utilizzando un SCOBY (colonia simbiotica di batteri e lievito). I suoi principali benefici per la salute includono il supporto digestivo, l’aumento di energia e la disintossicazione del fegato.

Anche le verdure fermentate e i sottaceti contengono molti probiotici.

 

Conclusione

I probiotici possono essere utili per combattere molti disturbi, ma un cambiamento dello stile di vita e un cambiamento di dieta sono necessari per creare una base salutare per il probiotico, per aiutarci a raggiungere i nostri obiettivi di salute.

 

 

 

 

Riferimenti:

  • 1 – http://www.salute.gov.it/imgs/C_17_pubblicazioni_1016_allegato.pdf
  • 2- https://it.wikipedia.org/wiki/Microbiota_umano
  • 3- https://microbioma.it/probiotici/fermenti-lattici-o-probiotici-ecco-le-differenze/
  • 4-  https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/21229254
  • 5- Ashraf R1, Shah NP. - Immune system stimulation by probiotic microorganisms. - Crit Rev Food Sci Nutr. 2014;54(7):938-56. doi: 10.1080/10408398.2011.619671.  
  • 6- Gregor Reid, PhD MBA, BSc (Hons), Jeremy Burton, PhD, and  Estelle Devillard, PhD - The Rationale for Probiotics in Female Urogenital Healthcare - MedGenMed. 2004; 6(1): 49.  
  • 7- Whitney P. Bowe, MD, FAAD - Could probiotics be the next big thing in acne and rosacea treatments? - SCHAUMBURG, Ill., the American Academy of Dermatology, (Feb. 3, 2014)  

 

Questa non è una testata medica, le informazioni fornite da questo sito hanno scopo puramente informativo e sono di natura generale; esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico o di altri operatori sanitari abilitati a norma di legge. Le nozioni sulle posologie, le procedure mediche e le descrizione dei prodotti presenti in questo sito hanno un fine illustrativo e non consentono di acquisire la necessaria esperienza e manualità per la loro pratica o il loro uso. Se ti sono state prescritte delle cure mediche ti invito a non interromperle né modificarle, perché tutti i suggerimenti che trovi su  www.nutrisalute.it devono essere sempre e comunque confrontati con il parere del tuo medico curante.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *